Our Authors

View All

Articles by Xochitl Dixon

Grazie perché sei tu!

Mentre assistevo mia mamma al centro di cura per i tumori, conobbi Lori. Lei stava proprio in fondo allo stesso corridoio, anche lei al centro per prendersi cura di una persona cara ammalata, suo marito Frank. Nella comune sala da pranzo, io e Lori chiacchieravamo, ridevamo, condividevamo confidenze, lacrime e preghiere. Momenti davvero preziosi, in quel periodo difficile. Un giorno persi la navetta che portava i residenti in città a fare spese. Lori si offrì di accompagnarmi in macchina la sera stessa, anche se era tardi. Con lacrime di gratitudine, accettai la sua offerta.

Quello che possiamo fare

Anche se ormai era confinato nel suo letto, il 92enne Morrie Boogaart continuò a confezionare a maglia berretti di lana per i senzatetto del Michigan. In quindici anni si dice che abbia fatto più di 8,000 berretti. Invece che concentrarsi sulla propria salute o sui propri limiti, il Signor Boogaart guardava a quello che poteva fare per gli altri. Era solito ripetere che quello che faceva gli dava gioia e uno scopo. Diceva anche: “Ho intenzione di continuare a fare questo finché andrò a casa col Signore,” cosa che avvenne nel febbraio del 2018. Anche se molti di coloro che hanno ricevuto uno di quei berretti non conoscono la sua storia e non sapranno mai quanto sacrificio c’è dietro a ognuno di questi, il semplice gesto d’amore di Morrie e la sua perseveranza sono stati di ispirazione per molte persone in tutto il mondo.

Tener stretta la gratitudine

Per anni ho sofferto di dolori cronici a causa della mia malattia. I dolori e la frustrazione per la mia ridotta mobilità mi hanno portato al limite. Nella mia infelicità diventai sempre più esigente e ingrata. Iniziai a lamentarmi per come mio marito mi curava. Poi trovavo difetti nel suo modo di pulire la casa. E perfino in cucina—per quanto lui sia il miglior cuoco che conosca—avevo da ridire per la scarsa varietà nel menu. Quando alla fine mio marito mi disse che le mie continue critiche ferivano i suoi sentimenti, io mi risentii. Non aveva idea di cosa stessi attraversando. Ma alla fine Dio mi aiutò a vedere i miei errori, e chiesi al Signore e a mio marito perdono per il mio atteggiamento.

La mia vera faccia

Per anni, il senso di inadeguatezza e vergogna per il mio passato tutt’altro che immacolato ha avuto un forte impatto su ogni aspetto della mia vita. E se la gente venisse a sapere della mia reputazione riprovevole? Anche se, grazie a Dio, avevo finalmente trovato il coraggio di invitare a pranzo una donna tra le responsabili della chiesa, feci di tutto per sembrare perfetta. Pulii a fondo la casa, preparai un pasto di tre portate e mi infilai il mio miglior jeans e la più bella camicia.

Il modo giusto di pregare

Ammiro la gente che prende nota delle richieste di preghiera, magari in un quaderno con le pagine segnate dall’uso. Sai, quelli che segnano ogni richiesta che fanno, poi ringraziano fedelmente per le risposte ricevute e aggiornano la lista. Allo stesso modo, ammiro coloro che si incontrano con altri per la preghiera e che consumano il tappeto ai piedi del letto a furia di stare in ginocchio. Per anni ho cercato di copiare il loro stile, di rincorrere una perfetta vita di preghiera, di imitare l’eloquenza di tutte quelle persone “tanto più brave di me”. Ho fatto di tutto per cercare di afferrare quello che mi pareva un mistero, ovvero capire e imparare quale fosse il modo giusto di pregare.

Oltre le stelle

Nel 2011, la National Aeronautics and Space Administration ha festeggiato trent’anni di ricerca spaziale. Durante questi tre decenni, più di 355 persone sono state lanciate nello spazio e hanno contribuito a costruire la Stazione Spaziale Internazionale. Dopo aver ritirato cinque astronavi, la NASA ha spostato il suo obiettivo verso l’esplorazione dello spazio lontano.

Donatori generosi

Dopo aver passato in rassegna tutto ciò che Dio aveva compiuto nella storia della nostra chiesa, i responsabili presentarono alla congregazione la proposta di costruire una palestra più grande che fosse utile a tutta la comunità. Per finanziare i lavori—spiegarono—avevano per primi firmato l’impegno di pagare una quota mensile. Iniziai a pregare per questo progetto con una nota di amarezza e egoismo: non avevo molta voglia di donare più soldi di quanti io e mio marito avevamo stabilito di dare. Eppure, insieme, io e mio marito continuammo a pregare per il progetto. Considerando tutto ciò che Dio ci aveva dato e come aveva provveduto per noi, dopo un po’ decidemmo di dare un’offerta mensile anche noi. Alla fine, i doni di tutte le famiglie coprirono interamente la spesa della costruzione del nuovo edificio.

Meraviglioso Creatore

Essendo una fotografa dilettante, mi piace catturare scorci della creatività di Dio con la mia macchina fotografica. La Sua impronta è evidente su ogni petalo delicato di un fiore, nell’intensità di un tramonto o di un’alba, nel cielo dipinto con le nuvole o nella tela scura punteggiata di stelle della notte.

Un bravo papà

Quando nostro figlio Xavier era più piccolo, spesso mio marito stava lontano da casa per viaggi di lavoro. Per quanto suo padre gli telefonasse spesso, c’erano notti difficili e sentire la sua voce non era sufficiente a confortarlo. Per aiutarlo a superare la nostalgia del padre, mentre lui si preparava per andare a letto, io andavo a prendere gli album delle fotografie. Indicavo le foto che li ritraeva insieme mentre facevano qualcosa di bello e chiedevo: “Ti ricordi questo momento?”