Our Authors

View All

Articles by Tim Gustafson

Più di un simbolo

Era sul punto di fare la storia della squadra, eppure la star del team di basket della University of Iowa, Jordan Bohannon, sbagliò intenzionalmente il tiro libero col quale avrebbe battuto un record durato 25 anni. Perché lo fece? Nel 1993, pochi giorni dopo aver fatto 34 tiri liberi di fila, Chris Street morì in un incidente d’auto. Bohannon scelse di onorare la sua memoria non infrangendo il suo record.

La battaglia

Mentre i colpi di artiglieria piombavano intorno a lui facendo tremare la terra con i loro whoomp, il giovane soldato implorava con fervore: “Signore, se sopravvivo a tutto questo, andrò a quella scuola biblica come voleva mamma”. Dio onorò la sua preghiera. E così mio padre, sopravvissuto alla Seconda Guerra Mondiale, andò al Moody Bible Institute e investì la sua vita nel servizio a Dio.

Cercare di impressionare

Quando gli studenti di un corso universitario uscirono per una gita d’istruzione, il loro insegnante quasi non riconobbe una di loro. In classe la ragazza aveva sempre portato tacchi di 15 centimetri ben nascosti sotto i pantaloni. Ma ora che indossava le scarpe da ginnastica era evidente che fosse alta appena un metro e mezzo. “I miei tacchi rappresentano quello che vorrei essere,” rise lei. “Ma le scarpe da ginnastica rappresentano chi sono veramente”.

Un giorno qualunque?

Nel suo libro Christmas Every Day (Natale ogni giorno), William Dean Howells racconta la storia di una bambina che ottiene ciò che aveva chiesto: che sia natale ogni giorno dell’anno. Per un lungo, orribile anno è davvero sempre natale. Già dal terzo giorno, l’euforia va spegnendosi. Dopo poco nessuno vuole più vedere dolci o caramelle. I tacchini iniziano a scarseggiare o si vendono a prezzi altissimi. I regali non si ricevono più con gratitudine, dato che ci sono pile di doni ovunque. La gente si azzuffa per qualunque cosa.

Domande a Natale

Molto prima che il calendario arrivi alla pagina di dicembre, l’atmosfera natalizia già si diffonde nella nostra città. Un centro medico mette in mostra il proprio albero di natale, decorato con fitte lucine, tutte di colori diversi: lo spettacolo, nel buio della notte, è mozzafiato. Le luci di un altro edificio commerciale lo fanno apparire un enorme pacco regalo. In questo periodo è difficile non notare lo spirito natalizio—o almeno, la sua parte commerciale.

Dalla parte sbagliata?

Quando il ponte di Techiman, in Ghana, fu spazzato via, gli abitanti di New Krobo, dall’altra parte del fiume Tano, erano bloccati. Anche la chiesa del pastore Samuel Appiah ne soffriva, dato che molti membri della comunità vivevano proprio a New Krobo—dalla parte “sbagliata” del fiume.

Eppure Dio

Un giornale lo ha definito “il giorno più cruento per i cristiani negli ultimi decenni”. Proprio non possiamo comprendere il senso di quell’attacco congiunto che nell’aprile del 2017 ha ucciso in Egitto molti cristiani mentre stavano lodando Dio in chiesa. Semplicemente non abbiamo una categoria per descrivere il versamento di sangue in un edificio di culto. Ma possiamo trovare un po’ di conforto guardando ad altri che conoscevano bene questo dolore.

Dov’è la pace?

“Speri ancora nella pace?” chiese un giornalista a Bob Dylan nel 1984.

Il tizzone di Dio

Spingendo fuori i bimbi più piccoli, una ragazza angosciata corse fuori dalla casa in fiamme. Mentre correva, chiamava ad alta voce Jacky, un bambino di cinque anni.