Our Authors

View All

Articles by Poh Fang Chia

Pensa prima di parlare

Cheung era arrabbiato con sua moglie per non aver verificato le indicazioni per arrivare al famoso ristorante dove speravano di cenare. La famiglia aveva pianificato di concludere la vacanza in Giappone con una squisita cena, prima di prendere il volo di ritorno. Ora stavano facendo tardi, rischiando di perdersi quell’ultimo pasto. Frustrato, Cheung criticò sua moglie per non aver programmato meglio le cose.

Sole con due ali

Per cinque anni, un antico sigillo d’argilla è rimasto in un armadio dell’Istituto di Archeologia di Gerusalemme. Una prima analisi del sigillo, subito dopo il ritrovamento ai piedi delle antiche mura meridionali della città vecchia di Gerusalemme, non aveva rivelato il significato di quell’oggetto di quasi 3,000 anni di età. Ma poi una ricercatrice riesaminò accuratamente le lettere sul sigillo, facendo una scoperta importantissima. L’iscrizione, in antico alfabeto ebraico, recita: “Appartenente a Ezechia [figlio di] Ahaz re di Giuda”.

La risposta di Simone

Un uomo di nome Refuge Rabindranath lavora con i giovani in Sri Lanka da più di dieci anni. Spesso resta con i ragazzi fino a tarda notte, organizza giochi, li ascolta, dando consigli e insegnando. Gli piace lavorare con i giovani, ma a volte può essere scoraggiante, soprattutto quando qualche studente promettente si allontana dalla fede. A volte dice di sentirsi come Simon Pietro in Luca 5.

Finiamo la gara

Allo Olimpiadi di Rio del 2016, durante la gara dei 5,000 metri, due atlete hanno catturato l’attenzione del mondo. A circa 3,200 metri dall’inizio, la neozelandese Nikki Hamblin e l’americana Abbey D’Agostino si sono scontrate e sono cadute. Abbey si è rialzata in fretta, ma si è fermata ad aiutare Nikki. Poco dopo aver ricominciato a correre, ha iniziato a zoppicare Abbey: la sua gamba destra si era ferita durante la caduta. A questo punto, è stato il turno di Nikki di fermarsi e incoraggiare l’altra atleta a concludere la gara. Quando alla fine Abbey è arrivata a fatica al traguardo, Nikki era lì per abbracciarla. Che bella immagine di incoraggiamento reciproco!

Fare il primo passo

Tham Dashu aveva la sensazione che mancasse qualcosa nella sua vita. Così iniziò ad andare in chiesa, la stessa che frequentava sua figlia. Ma non ci andavano mai insieme. Molto tempo prima, lui l’aveva offesa e tra loro si era creato un muro. Così Tham entrava in chiesa senza farsi notare quando i canti erano già iniziati e andava via subito dopo l’incontro.

Cosa dura per sempre?

Un amico, che recentemente ha affrontato molte difficoltà, ha scritto: “Se rifletto su tutto ciò che è successo durante gli ultimi quattro semestri della mia vita da studente, mi rendo conto di quante cose sono cambiate . . . Fa paura, davvero paura. Niente dura per sempre”.

Amare perfettamente

La sua voce tremava mentre condivideva la situazione di sua figlia. Preoccupata per le amicizie che frequentava la ragazzina, la mamma le aveva sequestrato il cellulare e la accompagnava ovunque in macchina. Il rapporto tra loro andava di male in peggio.

Tutto il necessario

Immagina di andare in viaggio senza bagagli. Niente spazzolino. Nessun cambio d’abiti. Neanche soldi o le carte di credito. Sembra poco saggio e preoccupante, vero?

Trovare la vita

Le parole del padre di Ravi lo ferirono come una lama. “Sei un totale fallimento. Tu sei la vergogna della tua famiglia”. Paragonato ai suoi fratelli e al loro successo, Ravi sembrava una disgrazia. Cercava di eccellere nello sport, e in parte ci era riuscito, ma non poteva fare a meno di sentirsi un perdente. Si domandava: Cosa potrò mai fare nella vita? Sono un fallimento totale! Esiste un modo per lasciare questa vita senza soffrire? Queste domande lo tormentavano, ma non ne parlò con nessuno. Nel suo contesto familiare semplicemente non si faceva. Gli era stato insegnato questo: “Fa in modo che i tuoi personali mal di testa, restino personali; tieni su l’impalcatura, anche se il tuo mondo crolla”.