Our Authors

View All

Articles by Dave Branon

Gentile ma potente

Mentre l’occupazione del nemico avanzava anche in Olanda, Anna Frank e la sua famiglia si prepararono con coraggio a trasferirsi in un nascondiglio segreto per sfuggire al pericolo. Per due anni, durante la Seconda Guerra Mondiale, si nascosero lì, prima di essere scoperti e inviati in un campo di concentramento. Eppure Anna, scrivendo il suo (poi famoso) Diario, disse: “Alla lunga, l’arma più affilata di tutte è uno spirito dolce e gentile”.

Atmosfera di incoraggiamento

Ogni volta che vado nella palestra vicino casa, mi sento incoraggiato. In quel posto pieno di gente sono circondato da altri che si impegnano a migliorare la propria condizione fisica e forza. Ovunque ci sono cartelli che ricordano che è meglio non giudicare la forma fisica degli altri, mentre è benvenuto ogni complimento e incoraggiamento reciproco.

Alternativa alla preoccupazione

Un uomo onesto, rispettoso della legge, ricevette questo messaggio vocale: “Sono il sergente . . . del Dipartimento di Polizia. Mi richiami a questo numero”. L’uomo iniziò immediatamente a preoccuparsi, pensando che poteva forse aver fatto qualcosa di sbagliato. Aveva paura di richiamare quel numero, e passò perfino alcune notti insonni pensando a possibili scenari—preoccupato che fosse finito nei guai senza accorgersene. Quel poliziotto non richiamò mai, ma per settimane l’uomo visse nell’ansia.

Casa

Recentemente una nostra amica è morta di cancro, di professione faceva l’agente immobiliare. Mentre mia moglie Sue ed io ricordavamo Patsy, a Sue è venuto in mente che molti anni fa Patsy aveva portato un uomo a Gesù, e quell’uomo è diventato poi nostro amico.

Ringraziare Dio per chi Egli è

Tra le molte frasi che si leggono sulle cartoline di auguri, una delle più toccanti è forse questa: “Grazie di essere come sei”. Se ti capita di ricevere quella cartolina, sai che qualcuno si interessa di te non perché hai fatto qualcosa di spettacolare, ma per la tua essenza.

Un caldo benvenuto a tutti

Durante una recente vacanza, io e mia moglie abbiamo visitato un famoso complesso atletico. I cancelli erano spalancati e sembrava fossimo autorizzati ad entrare per una visita. Abbiamo fatto un bel giro ammirando i campi sportivi perfettamente curati e i dintorni. Quando stavamo per andarcene, qualcuno ci ha fermato e freddamente ci ha detto che non potevamo stare lì. All’improvviso ci siamo accorti di essere estranei, ospiti sgraditi—una sensazione per nulla piacevole.

Svelare un mistero

Un giorno, rientrando dal lavoro, ho trovato un paio di scarpe alte col tacco proprio accanto al nostro vialetto. Ero certa di sapere di chi fossero. Così le ho messe in garage, pronta a restituirle a nostra figlia Lisa al suo ritorno a casa, quando sarebbe venuta a ritirare i suoi bambini. Ma quando le ho mostrato le scarpe, ho scoperto che non erano sue. Anzi, non appartenevano a nessuno di noi in famiglia. Così le ho rimesse dove le avevo trovate: il giorno dopo erano sparite. Mistero.

È buono per te?

Poiché mi piace il cioccolato fondente, una volta ho messo su Google: “Fa bene il cioccolato fondente?” Sono uscite molte risposte, alcune positive, altre negative. Puoi provare a mettere nei motori di ricerca domande simili riguardo a qualunque alimento. Fa bene il latte? E il caffè? Il riso ti fa bene? Troverai risposte talmente contradditorie che forse è bene comprendere che è la ricerca stessa a non fare bene. Potrebbe venirti un gran mal di testa!

Al mio caro amico

Ciò che l’apostolo Giovanni fece per il suo amico Gaio nel primo secolo è un’arte in via di estinzione ai giorni nostri. Giovanni gli scrisse una lettera.