Un’infestazione di grilli mormone causò nel 2003 un danno all’agricoltura pari a 25 milioni di dollari. I grilli erano talmente numerosi che la gente a malapena poteva fare un passo senza calpestarne uno. Questi insetti, che portano questo nome perché attaccarono i pionieri mormoni che si stabilirono nell’Utah nel 1848, riescono a ingerire una quantità sorprendente di vegetali durante la loro vita (fino a 17 kg!), nonostante siano lunghi al massimo 8 cm. Per un contadino l’impatto di un’invasione di grilli può essere devastante, per non parlare del danno economico per una regione o uno stato intero.

Il profeta Gioele dell’Antico Testamento descrive un’orda di insetti simili che devasta l’intera nazione di Giuda, in conseguenza della loro disobbedienza collettiva. Il profeta predisse l’invasione di locuste (una metafora per un esercito straniero, secondo alcuni commentatori biblici) non paragonabile ad alcuna invasione precedente (Gioele 1:2). Le locuste avrebbero lasciato solo devastazione dietro di loro, portando la gente alla carestia e alla povertà. Tuttavia, se il popolo si fosse pentito dei propri peccati e avesse chiesto a Dio perdono—dice Gioele—il Signore li avrebbe ripagati “delle annate divorate dal grillo” (2:25).

Anche noi possiamo imparare dalla lezione di Giuda: come gli insetti, il nostro peccato divora la vita fruttuosa e fragrante che Dio aveva in mente per noi. Quando ci rivolgiamo a Lui, e ci allontaniamo dalle nostre scelte passate, Dio ci promette di rimuovere la vergogna, ci perdona e ci dona una vita abbondante in Lui.