Our Authors

View All

Articles by David McCasland

Non è vana

Un consulente finanziario che conosco dice questa massima riguardo agli investimenti: “Spera per il meglio, ma sii pronto al peggio”. Quasi tutte le decisioni nella vita hanno un risultato incerto. Eppure c’è una strada che possiamo percorrere riguardo alla quale possiamo essere sicuri che, qualunque cosa accadrà, la fatica non sarà vana.

Niente di nascosto

Una ricerca internazionale del 2015 documenta che ci sono 245 milioni di telecamere di sorveglianza in tutto il mondo, e questo numero cresce del 15% ogni anno. Inoltre, milioni di persone catturano ogni giorno con i loro smartphone le immagini più svariate, dalle feste di compleanno alle rapine in banca. Sia che condividiamo questa crescente sorveglianza, sia che denunciamo la difficoltà di difendere la privacy, quel che è certo è che nel nostro mondo ci sono telecamere ovunque.

Il dono perfetto

In molte parti del mondo la settimana dopo Natale è il periodo in cui nei negozi si registra il numero più alto di resi: chi ha ricevuto regali non desiderati cerca di cambiarli con qualcosa che sia gradito. Eppure forse conosci anche tu delle persone che sembrano in grado di fare sempre il regalo perfetto. Come fanno a conoscere così bene i gusti degli altri e indovinare il regalo giusto per ogni occasione? Credo che il segreto non sia avere tanti soldi a disposizione ma saper ascoltare e interessarsi davvero alle passioni degli altri.

Natale in prigione

Il reverendo Martin Niemoller, un noto teologo e pastore tedesco, trascorse quasi otto anni nei campi di concentramento nazisti perché si opponeva apertamente al regime di Hitler. La vigilia di Natale del 1944 pronunciò queste parole ai suoi compagni di prigione a Dachau: “Miei cari amici, questo Natale . . . nel bambino di Betlemme vediamo Colui che è venuto per portare con noi ogni peso che ci opprime . . . Dio stesso ha costruito un ponte che lo collega a noi! La luce dall’alto ci ha visitato!”

Buone notizie!

Siamo bombardati da notizie provenienti da tutto il mondo in televisione, radio, internet e sui dispositivi mobili. La maggior parte di esse ci descrivono cose terribili—crimini, terrorismo, guerra e problemi economici. Eppure ci sono momenti in cui le buone notizie riempiono le ore più buie, i periodi di tristezza e disperazione. Sono storie di altruismo, di guarigione dopo brutte malattie e segnali di pace in zone dilaniate dalla guerra.

Il dono d’incoraggiamento

Una vecchia canzone country di Merle Haggard, If We Make It Through December, racconta la storia di un uomo licenziato dalla sua fabbrica, senza i soldi necessari per comprare i regali di Natale per la sua bambina. Nonostante dicembre dovrebbe essere un periodo felice dell’anno, la vita gli sembra nera e fredda.

La vista da 600 chilometri

“La mia prospettiva sulla terra è cambiata radicalmente la prima volta che sono andato nello spazio”, raccontava l’astronauta Charles Frank Bolden Jr. A centinaia di chilometri dalla terra ogni cosa gli pareva pacifica e bellissima. Eppure Bolden spiegava che passando sopra il Medio Oriente tornò bruscamente alla realtà, pensando al conflitto che si stava svolgendo proprio in quella zona. Durante un’intervista con il produttore cinematografico Jared Leto, Bolden raccontò che fu proprio in quella occasione che vide il mondo per come dovrebbe essere e decise di voler fare il possibile per migliorare le cose.

Sono ricco!

Forse hai già visto in TV quel programma in cui i conduttori si presentano alla porta di qualcuno con un grande assegno, annunciando che la persona ha vinto una somma enorme di denaro. In quel momento l’interessato inizia a gridare, balla, salta e abbraccia chiunque si trovi nei paraggi. “Ho vinto! Sono ricco! Non posso crederci! I miei problemi sono finiti!” Diventare all’improvviso ricchi sfondati evoca una forte reazione emotiva.

Annulla Invio

Ti è mai capitato di inviare una email e subito dopo realizzare di averla mandata alla persona sbagliata o che conteneva parole aspre o offensive? Se solo si potesse premere un tasto e fermarla. Bene, ora è possibile. Diversi siti di posta elettronica offrono una funzione che ti permette, entro un breve tempo, di annullare l’invio di una email appena spedita. Dopo quel lasso di tempo, però, l’email è come una parola detta: non si può ritrattare. Invece che essere considerata una soluzione ad ogni male, la funzione di “annulla invio” dovrebbe ricordarci che è estremamente importante stare attenti a ciò che diciamo.

Argomenti correlati

> Il nostro pane quotidiano

Non è vana

Un consulente finanziario che conosco dice questa massima riguardo agli investimenti: “Spera per il meglio, ma sii pronto al peggio”. Quasi tutte le decisioni nella vita hanno un risultato incerto. Eppure c’è una strada che possiamo percorrere riguardo alla quale possiamo essere sicuri che, qualunque cosa accadrà, la fatica non sarà vana.

Tutto il necessario

Immagina di andare in viaggio senza bagagli. Niente spazzolino. Nessun cambio d’abiti. Neanche soldi o le carte di credito. Sembra poco saggio e preoccupante, vero?

Il volto di Dio

Per gran parte della mia carriera da scrittore mi sono dedicato al problema del dolore. Torno sempre sulle stesse domande, e continuare a mettere il dito nella piaga non aiuta a guarire le ferite. I lettori dei miei libri mi scrivono le loro storie drammatiche, dando un volto ai miei dubbi. Ricordo la telefonata di un pastore di un gruppo giovanile che mi ha chiamato dopo aver saputo che la moglie e sua figlia neonata stavano morendo per aver contratto l’AIDS, in seguito ad una trasfusione di sangue infetto. “Come posso parlare ai miei ragazzi dell’amore di Dio?” mi chiedeva sconsolato.